• 6Y3Z2N8OGRY91
  • 4ER853RYQN1ME
  • EV94VHUAL5R2R
  • NLBPKG19D2QFV
  • SES481NOV5B73

REGOLAMENTO PER LA COSTITUZIONE DELLA CONFERENZA DELLE DONNE DEMOCRATICHE DI MASSA-CARRARA

 

Art.1 Finalità

1. Il Partito Democratico di Massa-Carrara riconosce il contributo positivo di elaborazione e rappresentanza che può scaturire e crescere nei luoghi di confronto delle donne come previsto dall'art. 25 dello Statuto nazionale e dall'art. 38 dello Statuto regionale.

2. La Conferenza Permanente delle Donne Democratiche promuove e sostiene la presenza delle donne e del loro punto di vista nei luoghi della decisione politica, economica e sociale.

3. La Conferenza delle Donne Democratiche è il luogo di incontro e di confronto delle iscritte del PD che vogliono parteciparvi. E' un luogo di elaborazione delle politiche di genere, di promozione del pluralismo culturale, di scambio tra le generazioni, di formazione politica, di elaborazione di proposte programmatiche, di individuazione di campagne su temi specifici come previsto dallo Statuto.

4. La Conferenza delle Donne Democratiche persegue le pari rappresentanza nelle assemblee elettive di ogni grado con l'obiettivo della parità anche per le cariche monocratiche, istituzionali ed interne e degli enti locali, concorrendo al pieno adempimento del principio del PD, così come per ogni ambito della vita sociale, culturale ed economica, individuando nell'eguaglianza paritaria un elemento di rinnovamento della cultura politica del partito.

5. La Conferenza delle Donne Democratiche si propone di promuovere nei territori le Conferenze Comunali o Zonali laddove se ne ravvisi la necessità.

Art. 2 Composizione

1. La Conferenza Territoriale delle Donne Democratiche è costituita dalle donne iscritte, nominate ed elette nelle liste del Partito Democratico a tutti i livelli politici ed amministrativi.

2. La Conferenza Territoriale delle Donne Democratiche è aperta alla partecipazione delle donne elette, iscritte, al mondo dell'associazionismo e del lavoro con cui costruire relazioni e creare occasioni di confronto ed elaborazione.

Art. 3 Organismi della Conferenza Territoriale delle Donne Democratiche

1. La Conferenza elegge una volta ogni tre anni, con votazione a scrutinio segreto, una sua Portavoce, che entra a far parte per funzione della direzione e dell'esecutivo provinciale, rappresenta la Conferenza delle Donne Democratiche, la presiede e la convoca con l'invio dell'ordine del giorno alle sue componenti.

2. La Conferenza Permanente delle Donne Democratiche elegge al suo interno un Comitato esecutivo rappresentativo dei territori, delle competenze e delle sensibilità politiche costituito su proposta della portavoce.

3. Al fine di organizzare al meglio le proprie attività, la Conferenza Permanente delle Donne Democratiche può dotarsi di specifici gruppi di lavoro, utilizzando presenze e competenze anche esterne alla Conferenza stessa e di altre forme organizzative e di discussione, decise di volta in volta, utili al raggiungimento delle finalità di cui all'art. 1 del presente Regolamento.

Art. 4 Elezione della Portavoce Provinciale

1. La candidatura al ruolo della Portavoce può ritenersi valida se sottoscritta almeno dal 3% delle iscritte al PD provinciale.

2 L'elezione della Portavoce avviene a scrutinio segreto e a maggioranza assoluta: risulta eletta chi ha ottenuto il voto favorevole di almeno la metà più uno delle presenti aventi diritto. Se alla prima votazione nessuna delle candidate risulta eletta, si procede al ballottaggio tra le prime due.

Art. 5 Funzioni della Conferenza Permanente delle Donne Democratiche

1. La Conferenza Permanente delle Donne Democratiche si riunisce almeno una volta ogni tre mesi per discutere gli orientamenti politici e programmatici e per definire il piano di attività che concorre all'iniziativa politica del PD.

2. La Conferenza Permanente delle Donne Democratiche deve essere inoltre convocata quando se ne ravvisa la necessità o quando ne è fatta richiesta motivata da almeno un terzo delle sue componenti.

3. La convocazione deve avvenire con congruo anticipo a mezzo posta elettronica, telefonia (sms e Phonia), posta ordinaria.

4. Le decisioni della Conferenza Permanente delle Donne Democratiche sono assunte a voto palese, salvo che non sia espressamente richiesto il voto segreto da parte di almeno un quinto delle presenti, e sono adottate a maggioranza delle presenti.

Art. 6 Norme finali

1. Il presente regolamento viene adottato dalla direzione provinciale del PD di Massa-Carrara.

2. Il presente regolamento può essere modificato, dalla direzione provinciale, su indicazione dell'assemblea provinciale delle donne.

 

Il presente Regolamento è stato approvato alla Direzione Provinciale del 25/03/2011